Intifadah silenziosa.

Negli ultimi tempi della nostra residenza a Gerusalemme, quando gia’ sapevamo del nostro imminente ritorno nelle campagne franco-svizzere, capitava molto spesso che gli amici e conoscenti europei ci chiedessero se eravamo contenti di tornare. E la risposta era imbarazzante da dare, perche’ la domanda non era mai intesa come una vera domanda ma sottintendeva un “dimmi quanto intensamente sei sollevato dall’andartene da quel posto spaventoso”, ma la nostra risposta non era quella attesa. Rispondevamo, infatti, che a noi stare li’ piaceva, e anche molto. E infatti dopo il ritorno abbiamo continuato ad averne nostalgia di un posto bellissimo e interessante su moltissimi livelli, dove abbiamo vissuto tutto sommato molto bene, giusto con qualche periodo di ansia e abbastanza amarezza nel verificare cosa succede alla psiche collettiva durante una guerra, ma insomma, quale posto al mondo e’ perfetto?

Comincio pero’ a sospettare che forse non siamo stati li’ in un momento “normale”, ma anzi in uno dei periodi di calma maggiore della storia recente. Giusto prima della sua fine.

Oggi, per la seconda volta in 15 giorni, una macchina guidata da uno di Hamas si e’ lanciata sulla folla nel tratto di strada tra le due fermate di tram che usavamo noi (link). (La volta precedente e’ corrisposta al mio post precedente.) [1]
Questo in un contesto in cui gia’ da qualche tempo si parla di “Intifadah silenziosa” o “Intifadah calma”, intendendo un aumento delle rivolte di strada nei quartieri arabi [2] e degli atti di violenza tipo sassi o molotov, e in polemica con le ripetute affermazioni delle forze dell’ordine che “comunque questa non e’ la Terza Intifadah”.

Il riassunto della situazione recente da parte di un influente giornalista israeliano [3], il giorno prima di questo attentato:

We are stuck with the settlers, with the hatred of Arabs, with the fears and anxieties our leaders are instilling in us; they are stuck with the refugees, with the hatred of Jews, with the illusion that we can still be thrown into the sea.
(…)
The negotiations are resumed from time to time precisely because the hidden assumption on both sides is that nothing will come out of them.
(Nahum Barnea, da qui)

[1] Per una strana ironia del destino stavolta l’attentatore ha ucciso un arabo, ma di religione era druso e quindi suppongo che dal punto di vista di Hamas, che e’ un movimento esplicitamente islamico [a], la sua morte sia comunque meglio che niente.

[2] Sia questo che l’attentato molto simile di due settimane fa sono stati compiuti da membri di Hamas, ma dubito che le rivolte spontanee che capitano ormai quasi quotidianamente nei quartieri arabi di Gerusalemme siano organizzate da Hamas, sebbene Hamas le elogi. Un piccolo dettaglio a supporto della mia speculazione: nelle foto di rivoltosi si vedono spesso capigliature alla mohicana. Orbene, un dettaglio che mi aveva colpito quando mi era stato raccontato di come Hamas governa Gaza e’ che proibisce tassativamente i capelli alla mohicana. (Il dettaglio mi aveva colpito perche’ e’ una capigliatura estremamente alla moda tra i giovani arabi dei quartieri piu’ miserabili di Gerusalemme Est.)

[3] Nahum Barnea e’ un giornalista di centro-destra. Dopo il linciaggio di Ramallah del 2000 propose il “test del linciaggio” per attaccare i giornalisti di sinistra. Ha perso un figlio sedicenne in un attentato suicida nel 1996. Esponente di un “pacifismo pragmatico”, tende spesso a premettere che dei palestinesi non gliene frega niente e/o che considera i loro leader dei farabutti, ma ritiene e spiega che se gli israeliani vogliono vivere in pace devono prendere a calci in culo la lobby delle colonie (link a un ottimo articolo) e dare via un grosso pezzo dei Territori Occupati in fretta, anche senza negoziare. [d]

[a] I movimenti nazionalisti palestinesi “storici” (Hamas e’ relativamente recente, essendo stato fondato nel 1987) sono in generale laici, e spesso hanno avuto tra i loro leader dei cristiani (che hanno sempre avuto la tendenza almeno dall’800 a essere sovrarappresentati tra le elite palestinesi; ipotizzo perche’ in media piu’ istruiti grazie all’abbondanza di scuole cristiane gestite da europei).
Sembra strano, in questi tempi recenti in cui la questione israelo-palestinese sembra essere dominata sul piano verbale da argomenti religiosi [b], pensare che per la maggior parte del tempo il conflitto non e’ stato visto in questi termini dalle sue parti in causa, se non come “effetto al second’ordine”.

[b] Esattamente nel mezzo tra questi due attentati nel mio ex quartiere, c’e’ stato un altro atto terroristico di rilevanza (pero’ a Gerusalemme Ovest): un palestinese ha cercato di ammazzare un certo Rabbino Glick, un noto attivista di un movimento religioso secondo cui e’ opportuno, anzi necessario, andare periodicamente a pregare sul Monte del Tempio (cosa vietata ai non musulmani dalle forze dell’ordine israeliane, preoccupate di evitare provocazioni, per non parlare del fatto che il Rabbinato d’Israele vieta tout court a ogni ebreo di mettere piede sul Monte del Tempio, per la sua eccessiva santita’ – ne parlai qui). [c]

[c] E giusto per dimostrare come in quel paese niente e’ semplice, niente puo’ essere spiegato senza iniziare la frase con “e’ complicato”: e’ venuto fuori un video di Glick, girato poche settimane prima dell’attentato in cui, dopo essere entrato nella Spianata delle Moschee, canta una preghiera in arabo con alcuni musulmani, poi verso la fine del video (se capisco bene) gli insegna come tradurre in ebraico una frase che ha prima detto in arabo (non conosco nessuna delle due lingue ma in una ha detto Allah e nell’altra Adonai), e sembrano essere tutti molto di buon umore.

[d] E siccome, di nuovo, non si puo’ dire niente senza dover aggiungere da qualche parte un “e’ complicato”: contrariamente a quanto il lettore potrebbe pensare, l’idea di andare via dai Territori unilateralmente non e’ “di sinistra”. Si tratta infatti della dottrina di Ariel Sharon buonanima, che ritiro’ unilateralmente da Gaza proprio perche’ trovava aberrante negoziare con la controparte, e in contrasto con la mini-tradizione laburista (Rabin, Peres, Barak) di chiacchierare troppo e di troppe cose con Arafat.
Attualmente la sinistra israeliana dice che il ritiro da Gaza non porto’ pace proprio perche’ non fu parte di una negoziazione completa (cioe’ che includesse anche garanzie di sicurezza, oltre ad aspetti di mutuo interesse e mutuo controllo), la destra dice che fu una cazzata perche’ tenerci 7000 coloni e 1500-2000 soldati secondo loro era molto meglio, e insomma non so quanti siano rimasti a parte Barnea in Israele a difendere quella scelta, 10 anni dopo.

[nota bonus] Un po’ dopo essere stato raggiunto dalla notizia dell’attentato ho avuto uno strano presentimento, e ho visitato la pagina delle statistiche di questo sito. C’erano 4 visite oggi dal Regno Unito, cifra inusuale tranne quando litigo con il signor R.A.Z., che vive nel Regno Unito e si prefigge di monitorare l’antisemitismo nella blogosfera.
Insomma sembra molto in ansia di sapere il mio parere sulle novita’ del giorno, e io ne sono come al solito molto lusingato.

3 pensieri su “Intifadah silenziosa.

  1. admin

    “E’ molto complicato”, ma i tuoi eccellenti articoli forniscono sempre nuovi elementi per cercare di capire il conflitto. Sono appena rientrata anch’io in Svizzera dopo tre mesi in Cisgiordania come osservatrice dei diritti umani. Sono stata molto anche a Gerusalemme, che mi manca moltissimo, anche se è difficile far capire a amici e parenti quanto acuta possa essere la nostalgia di un posto tanto spaventoso :-)

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...