Dove perse le scarpe ‘u Signuruzzu.

Da http://www.travellerexperience.com

Le ultime parole famose

Una frase che abbiamo molto ripetuto durante la pianificazione del weekend in Galilea e’ stata: “Piu’ lontani di cosi’ non si puo’, da razzi e sirene”. Neanche a farlo apposta.

Il buon samaritano

La gentilezza degli sconosciuti, soprattutto in culture diverse dalla mia, e’ sempre qualcosa che mi mette molto a disagio, perche’ non so mai come comportarmi.
Noto che quando ho problemi stradali e’ praticamente garantito che qualche arabo accorra ad aiutare (in una sorta di compensazione divina per il fatto che a causarmi cosi’ spesso dei problemi d’auto e’ l’ineffabile cialtroneria della compagnia di car rental araba presso cui affittiamo la macchina – e’ di gran lunga la piu’ economica sul mercato, e c’e’ un motivo). In questo caso, mentre alla periferia di Nazareth osservavamo la ruota devastata in maniera anomala della macchina che ci avevano dato il giorno prima (sospetto che fosse stata riparata a sputi), il nostro salvatore e’ stato un giovane studente arabo-israeliano di storia dall’italiano fluente (il suo obiettivo e’ diventare guida turistica) che ha passato una quantita’ commovente del suo tempo ad aiutarci. Provenendo da una cultura in cui al di sopra di una certa soglia di sbattimento nessuno farebbe nulla per nulla, alla fine della vicenda ho goffamente provato a dargli una mancia, che ha rifiutato con fermezza. E indicando il grosso rosario con crocifisso appeso al suo collo, ha spiegato: “tra cristiani ci si aiuta”. Mi sento un po’ in colpa, sapendo che ha sprecato il suo tempo per le persone sbagliate.

Ma noi purtroppo non ne abbiamo visti :( Foto presa sul lago di Tiberiade, tra il luogo della moltiplicazione dei pani e dei pesci e la pietra su cui Pietro edifico' la Sua chiesa.

Ma noi purtroppo non ne abbiamo visti :( Foto presa sul lago di Tiberiade, tra il luogo della moltiplicazione dei pani e dei pesci e la pietra su cui Pietro edifico’ la Sua chiesa.

Sulle orme di Madonna

La citta’ di Safed, nell’Alta Galilea, e’ sacra al Giudaismo e grande centro cabalistico (da cui la visita di Madonna qualche tempo fa), e per vari motivi merita una visita. Probabilmente pero’ meglio non di sabato, come invece abbiamo fatto noi. Ora, uno potrebbe anche dire che dopo quasi un anno avremmo potuto ormai interiorizzare il concetto che durante lo Shabbat non c’e’ nessuna garanzia di trovare da mangiare in giro, specialmente in un luogo sacro agli ebrei, pero’ a mia discolpa devo dire che ero convinto per qualche motivo che fosse una citta’ di popolazione mista. (Effettivamente lo era stata, prima della Prima Guerra. Da allora il quartiere arabo e’ il Quartiere degli Artisti, e per fortuna l’highlight del quartiere, che e’ il centro d’esposizione che raccoglie le principali opere degli abitanti del quartiere, e’ aperto anche durante le feste.)

Non leggendo l'ebraico, posso solo supporre che la placca ricordi la battaglia di Safed del 1948. Interessante che la mappa corrisponda ai confini del Mandato Palestinese tra il 1917 e il 1922, quando gli inglesi non avevano ancora separato Palestina e Transgiordania. Il Sionismo Revisionista di Jabotinski reclamava tutto il territorio, ma tale massimalismo territoriale non e' piu' di moda da qualche decennio, che io sappia.

Non leggendo l’ebraico (o meglio, leggo l’alfabeto ma questo di solito aiuta poco), posso solo supporre che la placca ricordi la battaglia di Safed del 1948 (infatti l’unica parola che capisco e’ Haganah). Interessante che la mappa corrisponda ai confini del Mandato Palestinese tra il 1917 e il 1922, quando gli inglesi non avevano ancora separato Palestina e Transgiordania. Il Sionismo Revisionista di Jabotinski reclamava tutto il territorio originario del Mandato, in opposizione col pragmatismo di Ben Gurion e degli altri Padri Fondatori, ma tale massimalismo territoriale non e’ piu’ di moda da qualche decennio, che io sappia.

2 pensieri su “Dove perse le scarpe ‘u Signuruzzu.

  1. unfisicoagerusalemme Autore articolo

    Bentornato! Grazie mille per il commento illuminante, e per la lettura attenta (come al solito) del mio post!
    Cosi’ attenta che non solo hai seguito il link a wikipedia che ho provveduto, che ha come primo paragrafo:

    “Safed remained a mixed city during the British Mandate for Palestine and ethnic tensions between Jews and Arabs rose during the 1920s. With the eruption of the 1929 Palestine riots, Safed and Hebron became major clash points. In the Safed massacre 20 Jewish residents were killed by local Arabs.[28]”

    Ma addirittura hai seguito i link al suo interno!!! Se tutti i lettori fossero motivati ad apprendere come te, ci sarebbe meno ignoranza in giro.

    Ma tu di quale parte della Galilea sei originario? Magari proprio di Safed? Hai visto che belle le case nel Quartiere degli Artisti? Magari la casa della tua famiglia era proprio li’?

    Ah senti, nel frattempo ho riflettuto ancora sulla questione di quel matrimonio misto sul quale avevamo discusso qualche settimana fa. Sai, devo dire che alla fine forse ti devo dare credito su Lehava (di cui non mi hai detto se la supporti o no, ma quando una domanda fatta due volte non riceve risposta direi che si puo’ considerare il principio del silenzio-assenso), ovvero che questa organizzazione non ha tutti i torti: sposando quella ragazza ebrea, quel tipo l’ha fatta uscire dal Popolo Eletto (per non parlare dei suoi discendenti), diminuendone quindi la consistenza numerica. Se tutte le ragazze ebree si facessero gabbare da mussulmani, non esisterebbero piu’ ebrei! Se ci pensi, sarebbe quindi genocidio a tutti gli effetti.
    Siamo quindi d’accordo che quel bel tomo li’, e gli altri suoi compari che fanno i galletti con le giovani ebree, meritano la stessa sorte di Eichmann? E anzi, almeno Eichmann stava solo eseguendo gli ordini, cosa che non si puo’ dire di loro!

    A presto e stammi umano.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...